Museo delle Belle Arti di Cordova

Museo delle Belle Arti di Cordova

All'interno del Museo delle Belle Arti di Cordova, troverete opere di artisti locali quali  Antonio del Castillo o Pedro Romana. Inoltre, il museo espone sculture del contemporaneo Mateo Inurria, quadri di Zurbarán e molto altro.

Il Museo delle Belle Arti di Cordova è una tappa imprescindibile per gli amanti delle arti plastiche. Nelle sue sei sale, espone un'amplia collezione che va dal rinascimento cordovese del XV secolo all'avanguardismo del XX secolo. 

La maggior parte dei dipinti esposti appartiene ad artisti locali del calibro di Antonio del Castillo o Pedro de Córdoba, che stabilirono qui le loro botteghe. Inoltre, il museo dedica un'intera sala alla scultura avanguardista del cordovese Mateo Inurria Lainosa.

Dalla sua inaugurazione nel 1844, il Museo delle Belle Arti di Cordova ha avuto varie sedi prima di stabilirsi definitivamente nell'antico Hospital de la Caridad, risalente all'epoca dei Re Cattolici. Oggi, condivide l'edificio con il Museo di Julio Romero de Torres

Collezioni

La collezione comprende dipinti e disegni di artisti andalusi di varie epoche, oltre che sculture contemporanee.  

  • Arte medievale e rinascimentale (secoli XIV e XVI): la sala espone opere dei primi artisti della scuola cordovese, come Baltasar del Águila o Pedro Romana. Si tratta, per la maggior parte, di dipinti con motivi religiosi. 
  • Gotico e Rinascimento (secoli XV e XVI): In questo periodo sorgono figure come Alonso Martínez o Pedro de Córdoba, artisti che stabilirono a Cordova le loro botteghe, nelle quali crearono molte delle opere esposte in sala. 
  • Manierismo cordovese (seconda metà del XVI secolo): Le opere esposte illustrano scene di vita dei santi con grande realismo e protagonismo della figura umana. Spiccano i dipinti di artisti locali quali Juan de Peñalosa o Pablo de Céspedes.
  • Disegni e stampe: Sebbene le opere ruotino costantemente, è possibile trovare dipinti di Antonio del Castillo, Pedro de Campaña o José de Ribera.
  • Arte cordovese del XVIII e XIX secolo: Gli artisti più rilevanti di questo periodo sono Bujalance e Antonio Palomino. Inoltre, nella sala si trovano anche tele di Julio Romero de Torres e di suo padre Rafael Romero Barros.
  • Arte cordovese del XX secolo: Di questo periodo bisogna menzionare le opere cubiste e avanguardiste di artisti formatisi presso la Scuola di Belle Arti di Cordova. Questa sala in particolare dedica uno spazio esclusivo allo scultore avanguardista Mateo Inurria, originario di Cordova.

Inoltre, il Museo delle Belle Arti  ospita dipinti del barocco andaluso del calibro di Zurbarán, Antonio del Castillo, Valdés Leal y Palomino.

Orario

Estate (da luglio a agosto)
De martedì a sabato: dalle 9:00 alle 21:00.
Domenica e festivi: dalle 9:00 alle 15:00.
Lunedì: chiuso, eccetto se prefestivo.
Inverno (da settembre a giugno)
Da martedì a domenica e festivi: dalle 9:00 alle 15:00.
Lunedì: chiuso, eccetto se prefestivo.

Prezzo

Cittadini dell'Unione Europea: gratis.
Cittadini di altri paesi: 1,50 (1,80US$)

Trasporto

Autobus: linee 1, 2, 3 e 7.